• INTRODUZIONE ALLA WLTP

    1. Che cosa sono i test WLTP

    What is the purpose

    Sorgente: http://wltpfacts.eu

    Alle condizioni stabilite dalla legislazione dell'UE, il test di laboratorio secondo la Procedura di prova per i veicoli leggeri armonizzata a livello internazionale (WLTP, dall'inglese Worldwide Harmonized Light Vehicle Test Procedure) misura il consumo di carburante, le emissioni di CO2 e le emissioni inquinanti di autovetture.

    Benché la WLTP sia una misurazione rigorosamente controllata, si tratta di un test di laboratorio RDE* da condizioni reali.

    *RDE Il test Real Driving Emissions (RDE) misura gli inquinanti, come ad esempio NOx, emessi dalle auto durante la guida su strada. L'RDE assicura che le auto, in condizioni di guida su strada, rilasciano bassi livelli di emissioni. L'Europa è la prima regione al mondo ad aver introdotto questo test su strada, segnando un considerevole passo avanti nel test delle emissioni delle auto.

    What is RDE

    Sorgente: http://wltpfacts.eu


    2. Cosa cambia rispetto a NEDC

    CHE COS'È WLTP E COME FUNZIONA?

    Sin dagli anni '80 è stato utilizzato il cosiddetto "New European Driving Cycle (NEDC)". Tuttavia, oggi, con l'attuale tecnologia nel settore automobilistico e le condizioni di utilizzo, il NEDC è superato, l'UE ha quindi elaborato il nuovo metodo di prova della WLTP

    La maggiore differenza tra NEDC e WLTP consiste in una rappresentazione più realistica delle condizioni di guida durante il test.

    Nel ciclo di guida WLTP sono invece previste 4 fasi, ognuna delle quali condotta con delle velocità massime diverse:

    • bassa velocità (circa 50 km/h)
    • media velocità (circa 80 km/h)
    • alta velocità (circa 100 km/h)
    • elevata velocità (circa 130 km/h)

    Ogni fase prevede una varietà di fasi di guida, di arresto, di accelerazione e di frenata. Inoltre sono stati aumentati sia il tempo che la durata del test:

    • la durata è stata elevata da 20 a 30 minuti
    • la distanza da percorrere è cresciuta da 11 a 23 Km

    Testano infatti un'auto a quattro velocità differenti, bassa, media, elevata ed extra elevata ai sensi del ciclo WLTP, accelerazione, frenata, ecc. utilizzando la versione più leggera (più economica) e quella più pesante (meno economica).

    What is WLTP

    What is WLTP

    Sorgente: http://wltpfacts.eu

    What is WLTP

    3. Quali sono i benefici per il guidatore

    Settembre 2017

    WLTP si applica ufficialmente ai nuovi modelli di auto a partire da settembre 2017. Sono nuovi modelli di auto tutti quei modelli di veicoli introdotti sul mercato per la prima volta.

    Settembre 2018

    WLTP si applica a tutte le immatricolazioni di auto nuove a partire da settembre 2018 tranne le vetture in stock dei modelli degli anni precedenti che possono essere immatricolati con deroga.


    WLTP si applica ufficialmente ai nuovi modelli di auto a partire da settembre 2017. Sono nuovi modelli di auto tutti quei modelli di veicoli introdotti sul mercato per la prima volta.
    I produttori possono già iniziare a richiedere omologazioni WLTP per i nuovi modelli di auto nel momento in cui la legislazione entra in vigore nell'Unione Europea (non prima della fine di luglio 2017).
    WLTP si applica a tutte le immatricolazioni di auto nuove a partire da settembre 2018.
    Le misure UE per le auto di fine serie devono consentire a un numero limitato di veicoli invenduti a magazzino, omologati ai sensi del vecchio test (NEDC), di essere venduti l'anno successivo, vale a dire fino a agosto 2019.
    NB: per i pick-up (immatricolazioni N1) la normativa è da intendersi posticipata di un anno.

  • Domande su WLTP

    WLTP
    Cos'è la WLTP?

    WLTP è l'acronimo di Worldwide Harmonized Light Vehicle Test Procedure ed è una procedura di prova che misura i valori di consumo e di emissione di un veicolo su un banco di prova a rulli. Il 1 settembre 2017 è iniziata la progressiva introduzione della WLTP, che va a sostituire il precedente metodo di prova NEDC. Per il suo profilo dinamico, la WLTP è nettamente più vicina alle condizioni di guida reali.

    La WLTP comprende accelerazioni molto più decise e un profilo di guida essenzialmente più dinamico. La velocità massima sale a 131 km/h e la velocità media a 47 km/h. La durata del test aumenta di 10 minuti, con una percentuale più elevata di percorsi autostradali simulati sui rulli e una parallela riduzione dei tempi di sosta. La distanza del test di laboratorio raddoppia e passa a 23 chilometri.

    In futuro la valutazione terrà conto di tutti gli equipaggiamenti a richiesta che influiscono sull'aerodinamica, sulla resistenza al rotolamento o sulla massa della vettura. L'unico equipaggiamento non considerato in questa prima fase della WLTP è il climatizzatore.

    L'obiettivo della WLTP è introdurre uno standard vincolante a livello mondiale, con i Paesi dell'Unione Europea a partire per primi. La nuova procedura permette di confrontare il consumo di carburante e le emissioni di sostanze nocive di vetture di diversi costruttori. Inoltre gli standard mettono gli enti preposti in condizione di verificare il rispetto dei limiti di legge per le emissioni allo scarico: idrocarburi (HC), monossido di carbonio (CO), ossidi di azoto (NOx) e particolato.

    Cos'è il WLTC?

    I cicli di marcia della WLTP si chiamano WLTC - Worldwide Harmonized Light-Duty Vehicles Test Cycle. La procedura WLT prevede tre diversi cicli di marcia in funzione del rapporto potenza-peso dei vari tipi di veicoli. La maggior parte delle vetture immatricolate nell'UE ha un rapporto potenza/peso superiore ai 34 kW/t (46 CV/t) e rientra pertanto nel WLTC di categoria 3.

    Il ciclo di prova dei veicoli di categoria 3 si compone di quattro parti: Low, Medium, High, Extra High. Le quattro fasi simulano la marcia su percorso urbano, extraurbano, superstrada e autostrada.

    Cos'è il NEDC?

    Il NEDC (New European Driving Cycle) è il ciclo di prova attualmente in vigore per le vetture. Il primo ciclo di marcia europeo è entrato in vigore nel 1970 per mettere a disposizione degli acquirenti valori comparabili e riproducibili. Successivamente, ne 1992 è stato ampliato inserendo anche la guida nel traffico urbano.

    La velocità media del NEDC è di appena 34 km/h, come del resto sono poco veritiere anche le accelerazioni e la velocità massima di 120 km/h. Le fasi del protocollo non corrispondono più alla distribuzione media attuale delle diverse tipologie di percorrenza. Nella misurazione non viene considerato il consumo di energia di equipaggiamenti supplementari e funzioni Comfort come climatizzatore, autoradio o riscaldamento dei sedili. Ci sono poi anche alcuni parametri tecnologici che favoriscono le disparità.

    La tecnologia start/stop, ad esempio, incide non poco nel ciclo NEDC, dato che la prova si svolge per buona parte ad auto ferma. Per le vetture a cambio manuale non vengono utilizzati parametri specifici per la determinazione dei punti di innesto. I consumi possono quindi risultare molto diversi da quelli effettivi. A causa del continuo progresso tecnologico, il ciclo NEDC è ormai un metodo di prova superato.

    WLTP e NEDC a confronto: cosa cambia?

    Rispetto al NEDC, il ciclo di marcia WLTP dura dieci minuti in più e si svolge soltanto per il 13% ad auto ferma. La lunghezza complessiva è di 23,5 chilometri, vale a dire più del doppio del ciclo NEDC che prevedeva 11 chilometri. La nuova procedura comprende inoltre velocità medie più alte, fino a 131 km/h, sottopone i veicoli a variazioni di velocità più intense e impone requisiti di prova nettamente più severi.

    Inoltre il test non va più effettuato soltanto sulla versione base di un modello, ma anche sulle versioni che dispongono di equipaggiamenti aggiuntivi e a richiesta. I punti di innesto vengono calcolati prima della prova, in funzione del tipo di veicolo e di catena cinematica. Per le vetture con cambio manuale questo calcolo specifico è più vantaggioso rispetto ai punti di innesto fissi prescritti dal NEDC.

    Da settembre 2017 nel test RDE devono essere rispettati i limiti di emissione prescritti dalle norme Euro 6 per le prove su strada. Nella sua prima fase, il regolamento entra in vigore dal 1 settembre 2017 per le nuove omologazioni e al più tardi il 1 settembre 2019 per tutti i modelli.

    Cos'è il RDE?

    RDE è l'acronimo di Real Driving Emissions, una prova su strada per verificare le emissioni di sostanze nocive. Il test descrive il comportamento inquinante di un veicolo nelle reali condizioni di guida su strada. Finora le misurazioni dei gas di scarico per l'omologazione di un modello avvenivano esclusivamente al banco di prova. Da marzo 2016 le emissioni devono essere misurate anche nell'uso pratico quotidiano, nell'ambito di un quadro ben definito.

    Con l'ausilio di un dispositivo PEMS (Portable Emissions Measurement System) vengono misurate le emissioni di ossidi di azoto (NOx) e di monossido di carbonio (CO). In futuro saranno rilevate con questo sistema anche le emissioni di particolato. La misurazione non si svolge secondo un ciclo predefinito ma nelle normali condizioni di uso quotidiano, nel rispetto del codice della strada. La prova si effettua su strade pubbliche e ha una durata compresa tra 90 e 120 minuti, ripartiti in parti uguali su percorso urbano, extraurbano e autostrada.

    Per il tratto urbano è prescritta una velocità media tra i 15 e i 30 km/h, mentre in autostrada vanno raggiunte velocità di 90 e di almeno 110 km/h, ma non è consentito superare i 145 km/h. La temperatura esterna deve essere compresa tra 0 e 30 °C e il climatizzatore deve essere acceso. La prova su strada non deve svolgersi a un'altitudine superiore ai 700 metri, con un dislivello massimo di 100 metri.

    I consumi reali della mia auto cambieranno?

    No, i consumi effettivi resteranno gli stessi; è tuttavia probabile che, in conseguenza del maggior rigore del ciclo di test WLTP, all'auto vengano assegnati valori ufficiali più alti per emissioni di CO2 e consumi di carburante - più vicini a quelli osservati nella realtà.

    I valori di consumi e CO2 determinati dal WLTP sono più vicini alla realtà che in passato?
    Come il NEDC, anche il WLTP consiste di test effettuati in laboratorio. Poiché lo stile e le condizioni di guida e della strada, e altri fattori non tecnici possono variare, è possibile che vi sia una certa discrepanza rispetto ai valori riscontrati dal consumatore.

    Perché il valore NEDC della mia auto è aumentato?

    Per un periodo di transizione (sino a fine 2020), i valori NEDC continueranno a essere generati in parallelo con quelli WLTP. 
    Poiché il vecchio sistema NEDC non può più essere utilizzato per i nuovi modelli, la normativa obbliga a tradurre i valori CO2 del WLTP in valori equivalenti NEDC per mezzo di un cosiddetto "metodo di correlazione". Quest'ultimo verrà eseguito utilizzando uno strumento di simulazione sviluppato dalla Commissione Europea oppure ripetendo fisicamente i test. Il risultat potrebbe dare valori CO2 NEDC più alti perché si tratta di una versione del NEDC aggiornata (basata sul WLTP).

    Il WLTP include nei test anche altri inquinanti?

    Il WLTP è utilizzato anche per misurare sostanze quali monossido di carbonio (CO), idrocarburi (HC) e ossidi di azoto (NOx), e infine particolato (PM/PN).

    Quando cambieranno i valori per i veicoli commerciali leggeri?

    L'omologazione WLTP diventerà obbligatoria per tutti i veicoli commerciali leggeri dal 1° settembre 2019, un anno dopo le autovetture.

    Cosa cambia per il cliente?

    L'introduzione della WLTP (Worldwide Harmonized Light Vehicle Test Procedure) assicura maggiore trasparenza riguardo al consumo di carburante. Per i clienti, WLTP significa poter confrontare i valori di consumo e di emissione di diversi modelli sulla base di una scala comparativa più realistica.

    Tuttavia, a causa delle diverse condizioni di prova, cambieranno anche i valori di CO2 e del consumo di carburante: a parità di caratteristiche tecniche, un veicolo testato con la procedura WLTP rivela un valore di consumo e di CO2 numericamente superiore al risultato NEDC (New European Driving Cycle). Ciò dipende anche dal fatto che il nuovo ciclo tiene conto degli equipaggiamenti a richiesta e prevede condizioni di prova più severe.

    In futuro i clienti potranno influire con maggiore precisione sulle emissioni di CO2 della loro auto attraverso la scelta degli equipaggiamenti a richiesta. Per fare chiarezza e garantire la massima trasparenza possibile, Mitsubishi Automobili Italia Spa accompagnerà attivamente le fasi di introduzione della WLTP, fornendo a concessionari e clienti tutte le informazioni utili.

Contatta un concessionario per il Servizio